UN PIANO PERFETTO
(Francia, 2012)
di Pascal Chaumeil
Diane Kruger
Dany Boon
Alice Pol
Isabelle
Jean-Yves
Corinne


Una coppia (quasi) perfetta

Reduce dai (meritatissimi) successi internazionali Giù al Nord e Niente da Dichiarare?  Dany Boon (qui solo nelle vesti di attore) interpreta il dolcissimo Jean-Yves, cronista single (perennemente in bolletta) delle guide Routard per turisti francesi,

vittima inconsapevole dei raggiri di Isabelle, che lo seduce, si fa sposare e poi lo costringe a divorziare per potersi unire in matrimonio col suo fidanzato di sempre, sfatando così la maledizione che vede fallire le prime nozze di tutte le componenti femminili della sua agiata famiglia. Il plot si svolge in svariate location vere o presunte (Danimarca, Francia, Belgio, Regno Unito e Africa)

tra infinite gag più o meno riuscite

durante 104 minuti di fresco divertissement, dovuto sia alla consueta trascinante simpatia di Dany Boon, sia all'inaspettato talento comico della brava Diane Kruger, che nella versione originale recita in francese.

Il messaggio del film è fin troppo convenzionale: attente alla routine di coppia che uccide l'amore. Elemento che solo in apparenza stona con la neanche troppo velata celebrazione del regime stalinista ad opera di Dany Boon,

la cui dirompente personalità ideologica qui come altrove prende spesso il sopravvento sul personaggio interpretato. Malgrado alcune (in)evitabili forzature in svolte filmiche spesso prevedibili e già viste, la pellicola di Chaumeil si lascia guardare in un divertente disimpegno (ma non troppo) che sul finale strappa anche qualche lacrima.

©® Annalisa Ghigo
Martedì 1 Ottobre 2013
Tutti i Diritti Riservati


Commenta sul Forum