SECRET WINDOW
(U.S.A. 2004)
di David Koepp
Johnny Depp
John Turturro
Maria Bello
Timothy Hutton
Mort Rainey
John Shooter
Amy Rainey
Ted Milner

Uno spento e depresso scrittore in crisi creativa (Depp) viene perseguitato da un fantomatico Mr. Shooter (Turturro) che lo accusa di plagio. Da questo antefatto si sviluppa un intreccio piatto, banale, prevedibile, sciatto e inconcludente, in cui le incongruenze narrative si susseguono fino allo scontatissimo finale.

Prendendo ampio spunto dal personaggio kinghiano di Jack Torrance alias Jack Nicholson in “Shining” di Kubrick, il buon Depp s’impegna con convinzione nel ruolo dello scrittore che annega nel sonno la sua cronica e irreversibile assenza di idee.

La stessa crisi che pare aver colto lo sceneggiatore e regista David Koepp nel suo adattamento del racconto di Stephen King “Secret Window, Secret Garden”, realizzato attraverso soluzioni sceniche scontate quanto prevedibili.

Non basta il cameo di John Turturro e anche l’impegno degli attori di contorno (da notare un imbolsito Timothy Hutton, alquanto improbabile nelle vesti dell’amante antagonista di Depp, data la presenza scenica di quest’ultimo) è insufficiente a risollevare le sorti di questo thriller spacciato per tale, ma che alla resa dei conti regala solo annoiati e delusi sbadigli.

Johnny Depp pare davvero a suo agio avvolto in una logora vestaglia e raggomitolato sul divano a sognare tempi migliori in compagnia del cane… Molti spettatori in sala devono averlo imitato, anche se la poltrona delle sale cinematografiche non è il massimo in quanto a comodità…
Un mistero resta irrisolto: ma il cane del protagonista sarà stato per caso Koepp in incognito?

©® Annalisa/Aprile 2004
Riproduzione Riservata