LA PROMESSA/THE PLEDGE
(U.S.A. 2001)
di Sean Penn
Jack Nicholson
Robin Wright Penn
Patricia Clarkson
Helen Mirren
Benicio Del Toro
Vanessa Redgrave
Mickey Rourke
Aaron Eckhart
Sam Shepard
Jerry Black
Lori
Margaret Larsen
Medico
Toby Jay Wadenah
Annalise Hansen
Jim Olstad
Stan Krolak
Eric Pollack


Caos Calmo

L'autore svizzero Friedrich Dürrenmatt (Konolfingen, 5 Gennaio 1921 - Neuchâtel, 14 Dicembre 1990) ha segnato una svolta epocale nella storia del teatro di lingua tedesca, nella satira e nella definizione del romanzo giallo.

La sua satira pungente - volta a smascherare le meschinità nascoste dietro la facciata perbenista della società svizzera - è intimamente connessa alla contestazione del sistema di ordine eccessivo cui è improntata tale società, additato nei principali racconti e romanzi quale meccanismo artificioso che finisce per reprimere le autentiche pulsioni dell'individuo, essendo incapace di rispecchiare la natura umana nelle più intime sfaccettature. Rovescio della medaglia è il meccanismo giudiziario e investigativo, che non viene risparmiato dalla critica letteraria dell'autore: come il sistema giudiziario crea uno schema fittizio incapace di cogliere il significato di verità e giustizia, allo stesso modo i meccanismi d'indagine tendono a razionalizzare gli eventi senza rispecchiare la realtà. Il tema è di un'attualità sconvolgente anche ai giorni nostri, alla luce degli innumerevoli casi di cronaca nera rimasti irrisolti. L'inadeguatezza dei sistemi investigativi si riflette nella struttura dei romanzi gialli, che pretende d'imbrigliare la realtà mutevole in schemi rigidi e razionali senza considerare il ruolo fondamentale del caso, che quasi sempre determina il successo (o più spesso il fallimento) delle indagini su un delitto.

Il Giudice e il suo Boia (Der Richter und sein Henker) rappresenta il romanzo emblematico della produzione letteraria di Dürrenmatt, oltre ai due pregevoli racconti: Il Sospetto (der Verdacht) e La Promessa (das Versprechen) da cui è tratto il lungometraggio di Sean Penn. Il regista di Santa Monica privilegia ovviamente il côté poliziesco rispetto all'assunto principale del romanzo: l'attesa d'incastrare il colpevole vanificata dal caso. La suspense è notevolmente accentuata e molti passaggi dell'intreccio originale vengono adattati nella sceneggiatura di Jerzy Kromolowski alle esigenze della spettacolarità del thriller così come lo intendiamo oggi.

Il dimesso commissario Matthäi diviene Jerry Black; l'ambientazione è interamente nella provincia americana una volta di più a tinte fosche; l'aggiunta del personaggio femminile è giustificata dalla presenza di Robin Wright Penn, moglie del regista.

L'incipit aderisce all'originale: un disilluso commissario di provincia promette alla madre di una bambina seviziata e uccisa di trovare il colpevole. La promessa diviene ossessione e precipita nella follia quando la trappola innescata per catturare il serial killer si rivela inutile. Molte svolte narrative vengono modificate tradendo l'assunto originale del racconto, fondato in buona sostanza sul fallimento dello schema investigativo razionale di fronte alla casualità.

Efficace comunque la regia di Penn e valide le performance dell'intero cast, su cui svetta a buon diritto un Jack Nicholson dai toni insolitamente minimalisti e disillusi.

©® Annalisa/Novembre 2001
Tutti i Diritti Riservati